1. Visite scolastiche didattiche e ricreative
Il Museo del Giocattolo e del Bambino espone una suggestiva rassegna di antichi balocchi costruiti tra il 1700 e il 1950 ( bambole, trenini, aerei, navi, soldatini, giochi di costruzione e didattici) che si articola secondo una riflessione storica,pedagogica e sociale sull'infanzia e sul rapporto che lega il bambino al giocattolo nell'alternarsi delle vicende che hanno caratterizzato l'evoluzione della storia e della civiltà.
 

Scarica il pdf: "Programma per le Scuole"

< Torna Su >

 

2. La visita al Museo rappresenta
un viaggio nel mondo della fantasia, della poesia, dell'arte e della fiaba;
esprime la creatività e l'amore dei maestri giocattolai e il nascere
delle prime botteghe artigiane;
racconta l'incanto delle fiere di paese, dei teatrini di piazza, delle feste popolari;
illustra l'evolversi delle condizioni sociali, il mutare dei modelli e dei ruoli;
documenta la partecipazione alle prime grandi scoperte della scienza e della tecnica in un multiforme ventaglio di interessi che ben si prestano ad essere raccolti, interpretati e sviluppati nel contesto delle programmazioni educative;

- disponibilità di materiale illustrativo e supporti audiovisivi per attività scolastiche;
- ampio porticato e spazi all'aperto protetti e attrezzati;

- accoglienza ed eventuale pranzo al sacco in giardino o in spazi coperti

Percorso storico
Quadri di civiltà
Laboratori didattici

VISITA
Tutti i  giorni su prenotazione.

Tel. 3401509192
 

< Torna Su >


3. ITINERARI DIDATTICI
Gli itinerari didattici si articolano in:

 

Visita guidata (percorso museale)

Durata: 60-90 min

Costo: 6,00 €

 

Visita guidata + laboratorio

"Il Gioco di Costruire Giocattoli"

a cura dell'Associazione Culturale Ottotipi

Elenco laboratori attivati

Durata: 2/3 ore

Costo: 11,00 €

 

Visita guidata + laboratorio + Giocamuseo

Spettacolo-gioco interattivo

Giornata intera dalle 9.30/10.00 alle 14.30/15.00

Costo: 15.00 €

Le visite guidate sono differenziate per toni e contenuti

a seconda dell'età e degli interessi dei partecipanti.

 

< Torna Su >

 

4. COME SI PRENOTA
Le attività didattiche vengono effettuate tutti i giorni,  sia al mattino che al pomeriggio. Si richiede la presenza minima di venti partecipanti.

Le scuole e i gruppi interessati possono telefonare al 3401509192
Un operatore prenoterà la visita in base ai desideri

dell'insegnante/accompagnatore e alle disponibilità del Museo

Al momento della prenotazione bisognerà comunicare all'operatore:
- Il giorno in cui si desidera visitare il Museo
- L'orario di arrivo (tenendo presente la durata delle varie attività)
- La formula preferita (tra quelle sopraelencate)
- Il numero approssimativo di bambini presenti e la loro età
- Nome della Scuola, numero di telefono, insegnante/accompagnatore di riferimento
- Codice Univoco della scuola e CIG se si richiede fattura elettronica
- L'eventuale necessità di consumare presso di noi il pranzo al sacco
 

La prenotazione è così registrata. Non c'è bisogno d'altro.
Il Museo non richiede caparre da versare anticipatamente.
Se dovessero insorgere complicazioni successive alla prenotazione (p.e. sciopero dei mezzi pubblici o epidemia influenzale) l'insegnante dovrà solo avvertire il Museo quanto prima possibile per lo spostamento della data.

 

< Torna Su >

 

5. CONTENUTI DIDATTICI


Per la Scuola dell'Infanzia:
Favole a misura di bambino, fatte per pensare al Museo come contenitore di sorprese, come luogo in cui scoprire tesori e imparare, anche attraverso un video, l'uso di antichi giocattoli...
Per la Scuola Elementare:
Il giocattolo come "colla del tempo" , elemento che unisce i bambini di tutte le epoche perchè è il loro passepartout per entrare nella realtà e nell'immaginario.
Itinerari per scoprire come si giocava nel passato, percorsi per entrare nell'oggi e avvicinarsi, per mezzo del giocare, alla quotidianità evidenziando la trasformazione della realtà.
Per la Scuola Media:
Storia del giocattolo: dall'artigianato all'industria, elementi di cronologia storica, le caratterizzazioni del contesto nel quale il giocattolo viene costruito e utilizzato. Il giocare e il giocattolo visto in rapporto alle molteplici culture, dal passato al presente verso il futuro; nell'azione del giocare, infatti, si sperimentano, in un contesto protetto e simulato, esperienze fondamentali per la convivenza civile.
Per la Scuola Superiore e Università:
Significati del giocattolo e del giocare. Elementi di storia dell'infanzia, percorsi di approfondimento tematico e stage di ricerca pensati come itinerari multidisciplinari co-progettati.
Per la terza età:
Un percorso nella memoria (e nella nostalgia). Un "come eravamo" testimoniato dai passatempi dell'infanzia e dalle sue implicazioni con le aspettative educative. Scuola, famiglia, lavoro osservate nelle rispettive trasformazioni sociali.

 

< Torna Su >

 

6. IL MUSEO A SCUOLA
Il personale del Museo è disponibile per seminari all'interno delle scuole laddove queste fossero impossibilitate, per tempi e distanze, a raggiungere il Museo.

Informazioni al 3401509192.

 

< Torna Su >